Una delle spese piú importanti in una famiglia è sicuramente rappresentata dalla bolletta del gas utilizzato per riscaldarsi. Durante la stagione fredda si spendono mediamente in Italia 150-200 euro a bimestre a famiglia. La spesa varia a seconda della posizione climatica della casa, del suo isolamento termico e da quanto si accendono i riscaldamenti durante il giorno. Anche la temperatura che si desidera avere influenza in modo considerevole la spesa.

C’è però una buona notizia, si può riscaldare casa senza gas. Sì, senza spendere un centesimo di euro o, al limite, abbassando drasticamente la bolletta. Si sfrutta il sole, ovvero un impianto solare termico per produrre acqua calda che poi verrà distribuita in casa con un sistema di riscaldamento a pannelli radianti a pavimento.

LEGGI ANCHE : Acqua calda gratis come fare

E’ un sistema che viene dal passato, lo utilizzavano anche i romani per scaldare l’acqua delle terme, ad esempio quelle di Caracalla. Se avete la fortuna di poterle visitare, nei sotterranei, potete scoprire come intercapedini di mattoni sotto al pavimento erano utilizzate per accendere il fuoco che produceva calore nel pavimento sovrastante. Li’ il calore veniva diffuso a tutto il piano del pavimento superiore dove c’era l’acqua sfruttata per i bagni termali. Un sistema semplice un pochino piú perfezionato nel corso degli anni.

Il riscaldamento a pavimento è costituito da una rete di tubi inglobati nel massetto o soletta del soggiorno, generalmente collegati ad una caldaia a basso consumo o ad una pompa d’acqua. Il principio della lastra attiva si basa sull’utilizzo della massa delle strutture come riserva di calore o freschezza (inerzia termica) per poi diffonderla all’interno degli edifici per regolare la temperatura. Questa lastra permette di ottenere una temperatura di base omogenea e costante nell’edificio. “E poiché il riscaldamento a pavimento è sia un emettitore che un isolante, il flusso di calore è diretto senza perdite al centro della stanza”.

riscaldamento-pavimento

Funzionamento riscaldamento solare per casa senza gas

il pannelli solari termici scaldano l’acqua tramite irraggiamento solare. L’acqua viene spinta tramite pompe nel circuito a pavimento a pannelli radianti. In inverno, per avere in casa 18-19 gradi basta avere 35 gradi acqua riscaldata, cosa che è possibile raggiungere anche in giornate fredde grazie all’ utilizzo di pannelli solari termici heatpipe, ovvero sottovuoto.

Particolarmente interessanti anche i pannelli solari cosiddetti “ibriditermici e fotovoltaici in un solo impianto possono non solo produrre acqua calda sanitaria, ma anche rifornire una casa di elettricità.

Il primo sistema, prettamente termico, fa circolare aria o acqua attraverso pannelli che catturano i raggi del sole. Riscaldati naturalmente, i fluidi vengono poi distribuiti all’interno dell’abitazione. Secondo alcune aziende, a seconda della tecnologia utilizzata dall’impianto, l’acqua può raggiungere i 50 gradi all’uscita, anche in inverno. Il secondo sistema, spesso chiamato “ibrido” o “aerovoltaico” utilizza lo stesso processo e lo abbina a pannelli fotovoltaici su tetto per la produzione di energia elettrica.

Catturando i fotoni dai raggi del sole, queste cellule concentrano anche molto calore, un’energia che di solito viene sprecata e che a volte può ridurre la loro efficienza elettrica. L’impianto fotovoltaico sfrutta questo calore insufflando aria sotto i pannelli e distribuendola poi in casa tramite ventilazione meccanica controllata (VMC). Se la tecnologia potrebbe non produrre abbastanza calore a seconda del clima locale, delle dimensioni della famiglia e delle esigenze dei suoi abitanti, può ridurre notevolmente il consumo della modalità di riscaldamento primario. Inoltre, raffreddando i pannelli fotovoltaici, aumenta la loro produzione di energia elettrica del 10%.

solare-termico-senza-gas

Pompa di calore

Tecnologia controllata ed efficiente, la pompa di calore preleva calorie dall’aria ambiente per distribuirle all’aria interna ( modello aria-aria ) o all’acqua del circuito di riscaldamento ( modello aria-acqua ). In base alle proprietà fisiche di un refrigerante in grado di trasformarsi da liquido a gassoso a bassissima temperatura, la pompa di calore consuma pochissima energia elettrica per il suo funzionamento. La sua reversibilità permette anche di climatizzare o rinfrescare un interno nel cuore dell’estate. Se nella sua versione aria-aria la pompa di calore non è più ammissibile agli aiuti pubblici, mantiene questo vantaggio nella sua versione aria-acqua. La pompa di calore è adatta a tutti gli spazi abitativi. I produttori offrono unità di diverse potenze mentre gli installatori sanno come dimensionare un’installazione per un comfort ottimale.

Energia geotermica

Il riscaldamento geotermico utilizza una pompa di calore collegata ad una rete di sensori preposti al recupero delle calorie naturalmente presenti nel suolo o nelle acque sotterranee. Le calorie così recuperate vengono trasmesse all’acqua del circuito di riscaldamento centralizzato (radiatori o riscaldamento a pavimento). Questo sistema, anch’esso reversibile, permette di raffrescare in estate le abitazioni così attrezzate.

Una scelta intelligente ma relativamente costosa. Per riscaldare una vecchia casa, il nostro podio colloca al vertice le pompe di calore seguite dalla legna e dall’elettricità inerziale. Questa classifica generale non deve farci dimenticare che la scelta di un impianto di riscaldamento è caso per caso. Ci sono molti criteri da tenere in considerazione (posizione geografica, spazio abitativo, qualità dell’isolamento, stile di vita e budget disponibile).

Consigliamo comunque di privilegiare le energie rinnovabili e non inquinanti. L’investimento effettuato sarà infatti rapidamente ammortizzato dai risparmi realizzati anno dopo anno! Un buon impianto di riscaldamento, ecologico ed economico, aumenta notevolmente anche il valore della casa così attrezzata sul mercato immobiliare. Un ultimo argomento da non trascurare!

 

Isolamento termico

a monte di tutto però dobbiamo realizzare anche un isolamento termico che mantenga calda la casa in inverno e fresca in estate. In questo momento, grazie al superbonus del 110% possiamo approfittare nella realizzazione di un cappotto termico senza spendere un euro.

L’isolamento termico di una casa, se eseguito correttamente, può consentire ad alcune abitazioni di utilizzare difficilmente il riscaldamento. Ciò è particolarmente vero per i focolai localizzati nelle regioni costiere dell’ Italia meridionale, dove gli inverni sono generalmente miti. Doppi o tripli vetri per le finestre, isolamento in facciata, nelle pareti e sotto il tetto consentono di immagazzinare preziose calorie all’interno. A seconda dell’esposizione della casa, i raggi solari emessi naturalmente possono, per effetto serra, fornire una temperatura confortevole.

Poco coibentata, una casa può perdere fino al 60% del suo calore, energia sprecata che si fa sentire anche sul portafoglio se le esigenze di riscaldamento sono importanti. Prima di aumentare la potenza della tua caldaia e la temperatura del termostato, potresti dover valutare l’isolamento della tua casa. Se il lavoro può essere costoso a seconda della diagnosi, è in gran parte finanziato da aiuti pubblici e crediti d’imposta e può ridurre notevolmente la bolletta energetica