I pavimenti in resina sono sempre piu’ spesso utilizzati nelle abitazioni, uffici e negozi. Il loro vantaggio risiede nel fatto che la posa può essere effettuata anche sulla base di vecchi pavimenti, non c’è bisogno di demolizione di piastrelle e rifacimento del massetto. Si adatta perfettamente a determinati interni, ad esempio i loft, ma anche case o appartamenti con decorazioni molto moderne. Le resine possono essere fabbricate da una delle diverse formulazioni: resina epossidica, poliuretano e acrilico .

I sistemi a base epossidica rappresentano la forma più popolare di pavimentazione in resina e l’uso diffuso di questo materiale deriva in gran parte dalla varietà di colori e formulazioni disponibili.

pavimento-resina

Pavimento in resina cos’è

La resina indica generalmente una sostanza organica proveniente dalle piante, ma non è quella che si usa in edilizia. In questo caso si tratta della forma sintetica e chimica, e funge da “materiale di base” per più materiali (plastica, pittura, vernice, ecc.). Ha un aspetto solido o semifluido e viene applicata come rivestimento per realizzare calpestii, viene quindi chiamata “resina per pavimenti” o “pavimento in resina” .

La resina è un rivestimento che protegge un supporto conferendogli un aspetto decorativo . Consente diversi livelli di resistenza e flessibilità. Alcuni anni fa le pavimentazioni in resina venivano utilizzate quasi esclusivamente nel settore terziario.

pavimento-in-resina

La creazione di nuovi componenti chimici permette oggi di utilizzarla in ambienti come le abitazioni private sotto forma di prodotti decorativi chiamati: resine decorative .

Una resina per pavimenti è composta principalmente da due elementi:

  • epossidica
  • poliuretano

miscelato (a seconda dell’effetto desiderato) con:

  • un indurente
  • pigmenti (per colorare la resina)
  • quarzo naturale (sabbia, silice, ghiaia, ecc.)

Spesso la resina epossidica viene utilizzata come finitura del pavimento grazie alla sua elevata forza di adesione e un’eccezionale resistenza chimica.

Il pavimento in malta epossidica, chiamato anche pavimento levigato a spatola, è costituito da granuli di quarzo miscelati con resina epossidica. La malta è ricoperta da uno strato epossidico trasparente, che può essere lucido o opaco. Il colore è ottenuto grazie ai granelli di quarzo colorato.

pavimento-resina-arancione

Il risultato è estetico e funziona bene negli interni moderni. Inoltre, il pavimento in malta epossidica è compatibile con il riscaldamento a pavimento. A seconda del supporto, il suo spessore può variare da 5 a 10 mm.

Pavimenti in resina Vantaggi e svantaggi

Questo tipo di prodotto è utilizzabile su qualsiasi tipo di pavimento senza preventiva demolizione, questo è il suo vantaggio principale. Possiamo dare nuova vita anche a pavimenti vecchi e rovinati senza dover spendere soldi per la “rottura”.

Pro pavimento in resina

La resina per pavimenti viene applicata direttamente su materiali esistenti previa preparazione adattata ai supporti. Ad esempio, può essere applicato direttamente su una piastrella in gres o ceramica. Il vecchio pavimento deve solo essere stabile, sano e asciutto. È un’interessante alternativa di ristrutturazione o decorazione che è veloce da impostare.
L’assenza di giunzioni facilita la manutenzione quotidiana e previene la formazione di muffe.

Pavimenti moderni e di design: il pavimento fatto in resina ha qualità estetiche e decorative superiori ad altri materiali. Offre un aspetto moderno e contemporaneo. Essendo priva di giunzioni, ad esempio le fughe delle mattonelle, la pavimentazione in resina amplia gli spazi e offre una prospettiva più ampia.

Ci sono moltissimi resine colorate con diverse finiture (satinato, opaco, lucido, effetto legno, marmo ecc.).

I pavimenti in resina hanno elevata resistenza meccanica e chimica. Grazie alla sua flessibilità, la resina poliuretanica è resistente alle microfessure e ai vari attacchi che un pavimento può subire (tacchi di scarpe, animali, prodotti per la pulizia, stampaggi, ecc.) Le diverse finiture permettono anche di realizzare la resina epossidica e poliuretanica resine estremamente resistenti alle macchie.

Il pavimento in resina è di facile manutenzione . Nessun vincolo specifico, basta pulirlo con uno straccio e un prodotto per la pulizia (pH neutro).

Contro pavimento resina

la posa deve essere effettuata ad arte altrimenti si possono presentare delle irregolarità estetiche. Nel corso del tempo può essere sottoposta a “scolorazione” o “ingiallimento”.

Pavimenti in resina prezzi

Dipende dal tipo di resina che si usa e dall’ effetto che si vuole ottenere. I prezzi oscillano tra i 25 ed i 50 euro a mq.

pavimento-resina-effetto-marmo

pavimenti in resina effetto marmo

La resina poliuretanica viene utilizzata anche all’interno ed esterno per i sistemi di pavimentazione in aggregato di marmo , quindi resistente ai raggi UV.
Sceglieremo uno spazio riparato dal sole per non danneggiare il rivestimento. Ma può essere posizionato perfettamente in una veranda o in una terrazza coperta.
I pavimenti in resina poliuretanica sono di facile manutenzione.

Oltre alla sua vasta gamma di colori, il pavimento in resina è un rivestimento che offre possibilità di inclusioni. Essendo la resina trasparente, è possibile includere glitter, pietre, ghiaia colorata e persino foto o piccoli oggetti per un risultato molto originale.

Infine, decorazione a parte, l’incorporazione di piccoli cristalli di quarzo nella resina consentirà di ottenere un effetto antiscivolo, ideale per evitare di scivolare su un pavimento bagnato sia in terrazzo che in bagno.

pavimento-resina-effetto-legno
pavimento-resina-effetto-legno

Pavimenti in resina effetto in legno

Si possono realizzare pavimenti in resina con effetto parquet o legno sia lucidi che satinati o opachi. L’aspetto lucido, detto anche “a specchio”, è senza dubbio il più accattivante dei pavimenti in resina. Luminoso, dà un’impressione di ordine e “arreda” particolarmente le stanze. Vale a dire, tuttavia, i pavimenti “a specchio”, realizzati principalmente con resina epossidica, generalmente si consumano più velocemente dei pavimenti opachi e anche i graffi saranno più visibili.

Pavimenti in Resina o in Microcemento?

Entrambi i tipi di pavimentazione si caratterizzano per la loro grande capacità di adesione , ma la loro composizione è diversa: la resina epossidica è un polimero autolivellante che indurisce quando viene aggiunto un catalizzatore, mentre il microcemento è un tipo di rivestimento decorativo che si crea da acqua, cemento, additivi e pigmenti.

Si presume spesso che l’applicazione della resina epossidica sia più semplice, in quanto ha la capacità di autolivellarsi . Tuttavia, sebbene quando si applicano entrambi i materiali sia importante che la superficie sia in buone condizioni, con la resina è ancora più necessario. Se la superficie descrive una pendenza, c’è il rischio che il materiale si accumuli in quell’area.

Il microcemento, invece, può ricoprire praticamente qualsiasi superficie, ma solitamente viene applicato in modo tradizionale e solitamente richiede l’ intervento di esperti del settore . Può anche essere conveniente combinarlo con una rete per evitare la comparsa di crepe.

Insomma, l’applicazione di entrambi i materiali può comportare qualche difficoltà: entrambi hanno pro e contro da tenere in considerazione. Inoltre, in entrambi i casi è necessario attendere un certo tempo affinché il materiale sia completamente asciutto per poterlo utilizzare normalmente.

Differenza tra resina epossidica e vernice epossidica

È abbastanza comune confondere i termini “vernice epossidica” e “resina epossidica”. Tuttavia, sebbene abbiano un nome simile, è importante chiarire che non sono la stessa cosa .

Sebbene la vernice epossidica possa offrire ottime finiture, il suo spessore è inferiore a quello della resina ed è anche meno resistente. Tuttavia, può anche essere un’altra alternativa da considerare quando si decide di optare per i pavimenti continui, dal momento che il suo prezzo è solitamente abbastanza abbordabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*